Enorme vittoria sui pesticidi

May 30, 2022

Enorme vittoria sui pesticidi

Di Giulio Carini

Anche grazie al supporto di migliaia di persone della nostra comunità, gli attivisti hanno lottato contro i governi locali e le potenti aziende del settore alimentare. E hanno vinto! Hanno fatto sentire le loro voci contro l’utilizzo dei pesticidi nel nord Italia, una zona nota per la coltivazione delle mele. Ma il governo locale e il settore alimentare, che non sono abituati a essere messi in discussione, non volevano accettare le proteste.

La posta in gioco era alta, milioni di euro. Perciò erano disposti a fare qualsiasi cosa pur di proteggere i loro profitti a scapito della nostra salute. Così hanno avviato oltre 1.300 cause legali per intimidire e mettere a tacere gli attivisti locali.[2]

Ed è qui che è entrata in gioco la nostra comunità. La tranquilla regione montuosa dell'Alto Adige vive principalmente di turismo e odia profondamente la cattiva pubblicità. Non era abituata a vedere il potere delle persone in azione. Per questo abbiamo organizzato una protesta, diffuso il nostro messaggio in varie lingue attirando molta attenzione e spinto la stampa a pubblicare informazioni su ciò che stava accadendo in Alto Adige.[3]

A inizio mese, i tribunali del nord Italia hanno archiviato l’ultima causa pendente.[4] Questo risultato dimostra che, uniti, possiamo aiutare gli attivisti locali a ribellarsi contro i governi e le aziende.

Ma la questione non riguarda soltanto qualche attivista nel nord Italia. In gioco ci sono tutte le altre cause intimidatorie in Europa che vanno fermate. E in gioco ci sono tutti i cittadini europei che devono potersi esprimere liberamente, senza essere messi a tacere con minacce o cause legali.

Infatti, questa situazione ha attirato l’attenzione di Vera Jourová, Vice-Presidente della Commissione europea, nonché la persona in grado di fermare queste cause in Europa. La Jourová ha mostrato pubblicamente il suo supporto a favore della nostra vittoria.[5] Speriamo che questo possa spingerla ad agire affinché l’UE protegga gli attivisti dalle cause legali intimidatorie.[6]

Screenshot of tweet by Věra Jourová stating "Glad to see this example of #antiSLAPP ruling in a cross-border case. We need more awareness about the dangers of abusive litigation against #journalists and civil society and strong safeguards to neutralize the harmful effects on public participation."

Quando gli attivisti ci hanno contattato nel 2020 erano spaventati e angosciati. Rischiavano multe elevatissime e avevano paura di ribellarsi contro il governo e un settore privato molto potente. Ora, giustizia è fatta e sono sollevati. Oggi possiamo festeggiare il fatto che, quando siamo uniti, non dobbiamo temere nessuno. La giustizia vince sempre.

Riferimenti:
[1] A inizio di questo mese, gli attivisti si sono schierati davanti a un tribunale nel nord Italia dopo aver ottenuto un’enorme vittoria per la libertà di espressione, nella lotta per fermare l’uso dei pesticidi.
[2] Molte aziende europee, governi e persone potenti hanno iniziato a usare lo stratagemma delle cause legali, costose e intimidatorie, per impedire la libertà di espressione. Spesso queste cause vengono definite SLAPP, dall’inglese Strategic Lawsuits against Public Participation, cioè “cause strategiche contro la partecipazione pubblica”. Questi procedimenti legali dannosi impediscono la libertà di parola e il sano dibattito attorno a una questione, prendendo di mira coloro che comunicano con i governi o fanno sentire la propria voce su argomenti di pubblico interesse. Le cause SLAPP vengono usate per mettere a tacere e bersagliare chi critica, costringendo le persone coinvolte a spendere dei soldi per difendersi da queste accuse senza fondamento. Per approfondimenti: https://anti-slapp.org/what-is-a-slapp
[3] https://ilsalvagente.it/2020/09/05/90228/
https://www.ildolomiti.it/ambiente/2020/svelarono-i-retroscena-sulluso-dei-pesticidi-in-alto-adige-la-provincia-querela-con-possibili-richieste-milionarie-di-danni-vogliono-silenziare-il-dibattito-pubblico
https://www.ansa.it/europa/notizie/la_tua_europa/notizie/2020/10/28/strasburgo-condanna-azioni-alto-adige-contro-ambientalisti_76490b2f-2d88-4c21-985a-aef881fd5d7c.html
[5] https://twitter.com/VeraJourova/status/1524439185511362560
[6] https://www.theguardian.com/media/2022/apr/27/eu-announces-plans-protect-journalists-vexatious-lawsuits-anti-slapp

Ti potrebbe piacere

A sinistra il nostro attivista Giulio Carini che parla alla folla durante la manifestazione, a seguire i titoli su Euronews e sul Brussels Times.  A destra alcuni membri del Parlamento europeo venuti ad esprimere il loro sostegno a questa campagna.
April 30, 2024Campaign Update

In volo davanti al parlamento

Le scuole, le reti ferroviarie e gli ospedali in Europa sono al collasso. I governi europei faticano a trovare i fondi necessari per migliorare le cose. E mentre molte persone devono fare i conti con…

Foto di manifestanti
January 15, 2024Corporate power

Tenere a bada il mostro

Per decenni, le multinazionali hanno dettato le regole. Le multinazionali non venivano mai punite per i danni causati all' ambiente e alle nostre comunità. Tutte le carte erano a loro favore. Finalmente, le regole del…

Aggiornamenti